targa del Polo Lionello - clicca per ingrandire l'immagine poli produttivi Polo Lionello

“Dio opera sempre” è il motto che Chiara Lubich ha dato al Polo Lionello “per ricordarci del valore che Dio dà al lavoro, all’ingegno creativo proprio dell’uomo”. E' iscritto su una targa in cotto realizzata dallo scultore Benedetto Pietrogrande, posta nella reception del Polo.
(clicca sull'immagine per vedere la targa in formato 800px x 533px)

polo-lionello_layout.jpgIl Polo Italiano, inaugurato nell’ottobre 2006, sorge ad Incisa in Val d’Arno, a pochi chilometri dalla cittadella internazionale di Loppiano (FI) ed è intitolato al magistrato Lionello Bonfanti - che della cittadella stato responsabile per i rapporti con le istituzioni - per sottolineare la “vocazione” non solo economica ma anche “civile” di questo Polo.
Infatti, le 20 aziende (vedi sotto) oggi presenti si pongono come una comunità aperta al territorio che ne accoglie le istanze per esserne parte viva.

arrow.gifvai al sitolink.gif

E già dall’inaugurazione (vedi foto inaugurazione) questa caratteristica è emersa con la presenza di numerose personalità (vedi foto inaugurazione) del mondo civile, accademico, associazionistico ed istituzionale, tra i quali l’allora Presidente del Consiglio, Romano Prodi.
Il dialogo, intensificato in quell ’occasione con il Presidente della Regione Toscana, dott. Claudio Martini, con l’Assessore regionale alla Cooperazione internazionale dott. Massimo Toschi, continua fruttuoso.
Così come intenso è il dialogo con il mondo associazionistico, in particolare quello delle cooperative che, sovente, tengono i propri meeting nelle sale convegno del Polo.

Anche il mondo accademico e della formazione è frequentatore del Polo Lionello: docenti universitari, visite di scuole superiori, stage di più giorni per intere classi, corsi specialistici per i quali EdiC spa, che gestisce il Polo, è accreditata dalla regione Toscana.

I 5640 azionisti del Polo Lionello Bonfanti sono la testimonianza di quanti, pur non imprenditori, hanno creduto al progetto e hanno voluto farsene, in qualche modo, protagonisti.

Se si potessero fotografare diremmo che ben rappresentano quel “poveri ma tanti” di cui Chiara Lubich stessa ha parlato agli albori dell’Economia di Comunione.
La società di gestione del Polo Lionello nasce il 13 ottobre 2001 e deve il suo nome “EdiCspa” sempre a Chiara Lubich che ne è stata la prima azionista. (vedi foto inaugurazione).
.

Anche questo Polo ha le proprie radici nei molti che hanno offerto la propria sofferenza ed anche la vita per la sua realizzazione. Per tutti, menzioniamo Iliana Pieri che è stata la prima a dare l’adesione per inserire la propria azienda al polo. A lei, ed al marito Giovanni, è stata intitolata una saletta di formazione. (vedi foto inaugurazione)

album: click sulla foto per ingrandirla
per sfogliare l'album: clik sull'area destra della foto per andare avanti, click sull'area sinistra per tornare indietro.

Siga-nos:

Alessandra Smerilli

11-03-2019

Na mesa com... por Paolo Bricco - publicado em Sole24ore, 10/03/2019 Tradução de Moisés...

11-03-2019

Na mesa com... por Paolo Bricco - publicado em Sole24ore, 10/03/2019 Tradução de Moisés...

A economia do dar

A economia do dar

Chiara Lubich

«Ao contrário da economia consumista, baseada numa cultura do ter, a economia de comunhão é economia da partilha...

Leia mais...

As tirinhas de Formy!

As tirinhas de Formy!

Conheces a mascote do site Edc?

O dado das empresas

O dado das empresas

A nova revolução para a pequena empresa.
Dobre! Jogue! Leia! Viva! Compartilhe! Experimente!

O dado das empresas agora também em português!

quem está online?

Temos 1058 visitantes e Nenhum membro online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Este site utiliza cookies, também de terceiros, para oferecer maiores vantagens de navegação. Fechando este banner você concorda com as nossas condições para o uso dos cookies.