Scuole per Giovani

Studio e Ricerca

Giovani ed Edc

E' un rapporto molto forte quello che lega Edc ai giovani e fin dal suo sorgere nel 1991, quando Chiara Lubich invitò le nuove generazioni a “spendere le proprie energie per questo programma” affidando loro in particolare “l’approfondimento culturale”, quel passaggio dall’esperienza di vita di EdC ad una “teoria” da poter diffondere, nel settore economico, teologico, sociologico e filosofico. Oggi sono molte le risorse che è possibile offrire ai giovani che intendano approfondire la conoscenza di Economia di comunione e farne argomento di studio.

In questa sezione sono raccolte tutte le news che riguardano la formazione ed i giovani.

Sicilia: terra di economia civile

Fino al 29 settembre la seconda edizione della scuola di economia civile di AvoLab. Tema scelto: "La cooperazione tra inclusione sociale e sviluppo sostenibile"

di Elisa Furnari

pubblicato su Vita il 25/09/2013

Laboratorio Avola 2012 ridHa preso il via ieri, martedì 24 settembre, la seconda edizione della scuola di economia civile di AvoLab (Laboratorio siciliano di Economia Civile) realizzata in collaborazione con la Sec (Scuola di economia civile) Loppiano. Il tema scelto per questa edizione è: “La cooperazione tra inclusione sociale e sviluppo sostenibile”.

Su questo tema per tutta la settimana trenta giovani – alcuni non siciliani - si confronteranno con i grandi studiosi della nuova economia e con le esperienze più eccellenti del Terzo settore e dell’innovazione sociale con la volontà di seguire non solo un percorso formativo ma soprattutto un progetto educativo che apporti sviluppo, trasparenza, progresso ed innovazione.

Per Rosa Albanesi, docente dell’Università di Messina e direttore scientifico della Scuola il tema scelto «ci permette nell’anno dedicato ad Antonio Genovesi di riflettere sulla possibilità di fare economia in modo diverso, in una dimensione più umana ed attenta ai bisogni della persona, considerando il modello cooperativo non solo come una tipologia d’impresa ma soprattutto una strategia di sviluppo».

Per il presidente di AvoLab, Steni di Piazza, quello in corso è un grande appuntamento «reso possibile dalla voglia di cambiamento che abbiamo intercettato in Sicilia ed abbiamo trasformato in progetto positivo finalizzato a creare e generare nuova economia basata sul “giusto profitto” ma soprattutto sul benessere diffuso».

Un grande progetto, insomma, reso possibile anche grazie alla fitta rete di organizzazioni che l’ha sposato diventando partner dell’iniziativa (Vita Non ProfitIl Movimento Cristiano Lavoratori, Ubi Banca Carime, Banca Popolare Etica, Confcooperative Sicilia, Etica Sgr, Economia Di Comunione, Bioturismo, Management Technologies, la Diocesi Di Noto, Fiba Cisl, Libera, Fondazione di Comunità di Messina) e alla generosità dello staff organizzatore e del corpo docente che prestano gratuitamente il loro contributo.

vedi photogallery

Seguici su:

Corsi di Economia Biblica 2019

scuola biblica box

24-26 giugno 2019 (Libro di Geremia) 14-15 settembre 2019 (Libro di Qoélet)
vedi volantino - Per maggiori informazioni - iscriviti qui

Prophetic Economy 2.0

Prophetic Economy 2.0

Roma - 9 giugno 2019
Per maggiori informazioni scrivi a: info@propheticeconomy.org

Rapporto Edc 2017

Rapporto Edc 2017

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Seguici su:

Chi è online

Abbiamo 544 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.