Scuole per Giovani

Studio e Ricerca

Giovani ed Edc

E' un rapporto molto forte quello che lega Edc ai giovani e fin dal suo sorgere nel 1991, quando Chiara Lubich invitò le nuove generazioni a “spendere le proprie energie per questo programma” affidando loro in particolare “l’approfondimento culturale”, quel passaggio dall’esperienza di vita di EdC ad una “teoria” da poter diffondere, nel settore economico, teologico, sociologico e filosofico. Oggi sono molte le risorse che è possibile offrire ai giovani che intendano approfondire la conoscenza di Economia di comunione e farne argomento di studio.

In questa sezione sono raccolte tutte le news che riguardano la formazione ed i giovani.

Posso scegliere di fare la differenza

L'esperienza di una giovane lavoratrice di una azienda di EdC a San Paolo

di Stephanie Gomes Bressane

120715 StephanieBressane grup"In principio, semplicemente non sappiamo cosa ci ci riserva la vita e chiediamo solo 'fortuna'. Poi, quando il tempo passa, ci si rende conto che il percorso che seguiamo è delineato da noi stessi e tutto è una questione di scelta!

Nel gennaio 2011 ho conquistato il mio primo lavoro nella azienda Sabor & Vida. Anche se non avevo alcuna esperienza nelle vendite, le persone a me vicine si sono messe a disposizione per passarmi le conoscenze e farmi diventare una venditrice qualificata e capace di soddisfare le esigenze dei clienti. Fin dall'inizio il sostegno di tutti era palpabile. (Stephanie è la prima a sinistra)

Piano Piano ho incominciato a rendermi conto che l'azienda dove lavoravo differiva dalle altre per il modo in cui conduceva la sua attività. Ho iniziato ad interessarmi a questo modo diverso di “giocare giorno per giorno” e quello che ho trovato mi ha fatto pensare a tante cose.

La Sabor & Vida era diversa per il fatto di essere un'azienda di Economia di Comunione, vale a dire, intendeva perseguire un nuovo stile di agire economico che punta alla formazione di uomini nuovi e, di conseguenza, ad una nuova società, dove la cultura dell'“essere” diventa più importante della cultura dell'“avere”. Un altro punto di forza è la condivisione degli utili in tre parti: aiutare chi ne ha bisogno,  mantenere l'azienda, e infine formare uomini nuovi.

E' forse più facile descrivere il quotidiano lavorativo. Gli imprenditori sono sempre pronti ad aiutare, mostrando ciò che è buono sia per la crescita della  azienda sia per quella personale. Il rispetto verso i clienti, fornitori e dipendenti, che in cambio porta una soddisfazione e un senso di benessere.

Ma, dal mio punto di vista, ciò che vale mettere in rilievo è soprattutto l'amore. Sì, l'amore presente in ogni settore dell'impresa che va dalla preparazione fino alla vendita del cibo. Ogni dipendente sa che la cosa che ci caratterizza è mettere un po' del nostro amore in ogni lavoro che facciamo.

A luglio 2012, sono stata invitata a partecipare alla Scuola di Economia di Comunione ad Igarassu, Pernambuco. Fino allora non sapevo che ci fossero così tante persone che, come noi lottano per lo stesso obbiettivo!  Quando sono arrivata e mi sono imbattuta in così tante persone insieme alla ricerca di un modo di vivere, di sviluppare, di fare meglio, mi sono resa conto che non eravamo soli.  E la conoscenza che ho acquisito in questi quattro giorni di scuola sono stati sufficienti per capire che ho intenzione di combattere, indipendentemente da ciò che ci attende, per dire a tutti che questa economia esiste e cambia la vita di coloro che sono disposti a perseguirne gli obbiettivi.

Ma ho imparato anche molte cose semplici che sono presenti nella vita quotidiana di ogni persona senza che spesso ci si accorga. Ho imparato che un servizio differenziato e cordiale fa sentire la persona importante; che l'aiuto in qualsiasi momento e luogo, è essenziale; ho imparato che molti ostacoli sorgeranno lungo la strada, ma ci conviene desistere immediatamente o affrontarli – e diventare più forti;  ho imparato che ogni persona ha la possibilità di essere felice:  sta a lei scegliere la via giusta.

La Sabor & Vida mi ha fatto vedere che posso fare la differenza se questa è la mia scelta.  Finché posso aiutare, lo farò! Riguardo al futuro, nessuno lo conosce, ma ho una certezza:  porterò con me tutto ciò che ho imparato e voglio andare avanti, perché altri vedano che il mondo ha ancora modo di salvarsi, perché ci sono persone disposte a cercare il meglio per se stessi e per il prossimo.  Per questi motivi e per molti altri, dico che la 'fortuna', che ho citato all'inizio, è stata dalla mia parte fin dall'inizio. Trovare un'azienda con questo stile, all'inizio della carriera e con persone competenti che desiderano aiutare il prossimo... Diciamo che sono entrata in un mondo diverso che non avevo mai pensato che potesse esistere, nel quale le persone che fanno la differenza!"

Seguici su:

Seguici su:

Chi è online

Abbiamo 769 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.