Scuole per Giovani

Studio e Ricerca

Giovani ed Edc

E' un rapporto molto forte quello che lega Edc ai giovani e fin dal suo sorgere nel 1991, quando Chiara Lubich invitò le nuove generazioni a “spendere le proprie energie per questo programma” affidando loro in particolare “l’approfondimento culturale”, quel passaggio dall’esperienza di vita di EdC ad una “teoria” da poter diffondere, nel settore economico, teologico, sociologico e filosofico. Oggi sono molte le risorse che è possibile offrire ai giovani che intendano approfondire la conoscenza di Economia di comunione e farne argomento di studio.

In questa sezione sono raccolte tutte le news che riguardano la formazione ed i giovani.

Un compleanno speciale, in un ambiente unico

Festeggiare 50 anni alla Summer School di Martina Franca. Tracce di vita in condivisione di beni

di Elena Manigrasso

150728 0801 Martina Franca SS Amec 20 ridUn prof che festeggia i suoi 50 anni presso la scuola di Economia civile a Martina Franca. Non vi dirò il nome, perché non mi si accusi di piaggeria e ancor più perché non so se il nostro caro prof abbia voglia di sbandierare a tutti la sua classe di appartenenza. Comunque vi racconto questa storia ordinaria che diventa straordinaria per averla condivisa con 35 ragazzi della scuola, attentissimi durante le ore di lezione, felici per essere stati accolti da un docente stimato a livello nazionale come amici, entusiasti del suo altruismo nel rispondere esaustivamente alle loro domande.

Queste cose lasciano dei segni nell’altro, lo spingono a donare altrettanto affetto e attenzioni, in pratica a compiere gesti di fratellanza che creano e cementificano relazioni.

E fu così che arrivò una torta enorme, da dividere in tanti e tanti, comprese le suore che ci ospitavano a casa San Paolo, le cameriere che servivano i pasti, la Madre superiora, la cuoca e molti altri dipendenti. Tutti insieme, ognuno con il suo sorriso da offrire all’altro, senza barriere sociali, politiche, culturali, religiose. Da esempio per il famoso articolo 3 della Costituzione che ci vuole così, fratelli senza preconcetti ma a favore del pieno sviluppo della persona umana. Un gesto basta a creare un inizio di vita nuova, a lasciare briciole di umanità.

Ragazze e ragazzi che fanno cominciare così un nuovo percorso di vita, non più dettato dalla legge disumana del “lavora, spendi e non farti domande” come vuole il pensiero amorale del capitalismo, ma da una nuova legge, ancora in fieri, forse da perfezionare davanti a una enorme torta al cioccolato, divisa in parti uguali tra professori, alunni, dirigenti, impiegati, operai. L’utopia di un mondo migliore partendo dal pensiero dell’economia civile la quale include nelle sue leggi l’amore per l’altro, il prendersi cura dell’altro.

Un gesto allaccia e slaccia legami nel rispetto dell’affetto ma anche della libertà della persona che ci sta a cuore. Il gesto tesse e ritesse la storia, ingloba nella sua rete chi tende a stare indietro, chi non ce la fa e ha bisogno di una mano. Donare una torta appare un gesto scontato, ordinario e banale, e invece ha in sé tanti significati da aprirne un discorso filosofico. Il gesto di affetto non è mai scontato, ma è unico perché sempre diverso tra occhi e mani differenti.

In questa fase storica della disgregazione sociale e del dissesto finanziario il gesto è una manna dal cielo, è quel “di più” che mette nuova benzina all’interno della vita familiare, nel lavoro, ad ogni inizio di giornata, in un campus estivo di economia civile. Una traccia di cammino insieme, per seminare briciole di verità, affinché attecchiscano in una Terra migliore. Un gesto come inizio di una promessa e di una alleanza. Partendo da una torta al cioccolato. Auguri professore!

Seguici su:

Seguici su:

Chi è online

Abbiamo 769 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.