Scuola di Economia Civile (SEC)

corsi avanzati, corsi specialistici, laboratori di Economia Civile

Image

Corsi avanzati, corsi specialistici, laboratori di Economia Civile...

La missione di SEC è diffondere nel mercato, nelle organizzazioni e nelle imprese il paradigma economico-relazionale dell'Economia civile, centrato sulla reciprocità, sul bene comune e sulla persona che ne promuove la ricerca con efficienza ed equità.

SEC si rivolge con una particolare attenzione agli imprenditori e ai dirigenti delle imprese, delle organizzazioni senza scopo di lucro, di quelle a movente ideale, della pubblica amministrazione, offrendo un'esperienza di apprendimento capace di generare metodi e modalità di governo fondati sui principi dell'Economia civile

Un secondo ambito co-essenziale della SEC è il mondo della scuola, nel quale la 130920 SEC 06 ridscuola si rivolge a insegnanti e studenti, forti della convinzione che senza una nuova cultura economica e del lavoro è difficile immaginare un futuro sostenibile.

SEC intende diventare un riferimento nazionale per la diffusione dell'economia civile e un interlocutore internazionale qualificato, offrendo corsi in cui la conoscenza e l'apprendimento scaturiscono dalla continua ricerca e sviluppo della comunità internazionale dei docenti, dall'esperienza sul campo di operatori qualificati, dal confronto con la realtà portata nei corsi stessi.

SEC propone un contesto didattico che si sostanzia nel dialogo e nell'interazione attiva tra docenti e partecipanti, con attenzione all'apprendimento di ciascuno, sviluppato tra approfondimenti teorici, laboratori concreti, casi portati dai partecipanti stessi, insieme all'esperienza di imprenditori ed esperti.

Image

Per informazioni:

Scuola di Economia civile srl
Polo Lionello Bonfanti - Località Burchio
50064 Figline e Incisa Valdarno (FI)
tel. +39 055 83.30.400 - cell. +39 380 1509545 - fax +39 055 83.30.444

e-mail: segreteria@scuoladieconomiacivile.it 
web: www.scuoladieconomiacivile.it
vai alla
 photogallery SEC

Button FB

La fiducia: un pilastro della prospettiva economica civile

Intervista a Vittorio Pelligra, docente al prossimo modulo SEC

di Licia Paglione

Vittorio Pelligra, professore di economia presso l’Università di Cagliari e presso lo IUS Vittorio Pelligra riddi Loppiano, da anni lavora sul tema fiducia e la prossima settimana la presenterà ai partecipanti del terzo modulo del corso avanzato in Economia civile SEC, in programma dall'11 al 13 dicembre al Polo Lionello Bonfanti. Lo abbiamo intervistato.

Un altro "pilastro" nella prospettiva dell'economia civile è la fiducia. Lei ha scritto un libro su questo tema ricco, che sembrerebbe non avere molto che fare con il mondo delle relazioni "fredde", tipiche del mercato, ma piuttosto con quello delle relazioni "calde", affettive... Per quale motivo invece lei, economista, lo ritiene tanto fondamentale anche nella vita economica?

Perché la fiducia è implicata in ogni relazione sociale e quindi anche economica. E’ un po’ come l’aria che respiriamo, trasparente, nel senso che non ci accorgiamo della sua presenza e della sua importanza, pervasiva, ma anche delicata, fragile, la si può inquinare.

Anzi, direi proprio che iniziamo ad accorgerci della sua importanza, così come per l’aria, proprio quando scarseggia o è inquinata. E oggi forse la centralità che il tema della fiducia ha acquistato nel dibattito pubblico deriva proprio dal fatto che inizia a scarseggiare, l’abbiamo sfruttata, tradita e inquinata troppo. In ambito economico questo è facilmente verificabile se, per esempio, ripensiamo ai grandi scandali finanziari, dal caso Enron a quello di Bernard Madoff, dalla Parmalat e la Cirio, al caso dei bond argentini. C’è chi sostiene che la crisi dei mutui subprime, che poi ha originato la crisi che ancora oggi viviamo, non sia altro che una conseguenza diretta del tradimento della fiducia dei risparmiatori americani da parte delle grandi banche.

 La rilevanza del tema è quindi indubbia, ma c’è un altro aspetto per cui vale la pena approfondire questo tema rendendolo fondamentale anche e proprio in una prospettiva economica e cioè il fatto che non abbiamo, come economisti, una buona teoria della fiducia. E da qui, sono convinto, nascono molti dei problemi di cui sopra. Non la conosciamo, non abbiamo le parole per descriverla, e quindi, paradossalmente, la distruggiamo. Questa è un po’ la logica cui sono soggetti tutti i beni comuni, e con essi anche la fiducia.

Cosa succede quando la fiducia viene a sgretolarsi nella vita di un'impresa? E come può essere ricostruita?

Diceva il premio Nobel per l’economia Kenneth Arrow, che la fiducia è il lubrificante del sistema sociale, e quindi anche delle organizzazioni tra cui le imprese. Quindi quando la fiducia viene meno, capita in un’impresa quello che succede ad un motore senza olio, per un po’ continua a funzionare, poi si surriscalda ed infine fonde e si blocca. Proviamo a pensare come sarebbe la vita in generale, senza fiducia: non potremmo neanche alzarci dal letto la mattina, saremmo terrorizzati e paralizzati. Lo stesso succederebbe al lavoro, in un’impresa, saremmo costretti a ricorrere anche per le cose più minime a contratti, a scambi, alla logica dei premi e delle punizioni, i quali però da una parte sono imperfetti ed incompleti e dall’altra possono avere effetti controproducenti, un incubo insomma. L’impresa imploderebbe. Su questo ci sono interessanti studi empirici che mettono in relazione la fiducia diffusa nel management e tra i vertici e i lavoratori delle imprese e la loro performance economica. Se poi la fiducia viene meno, ricostruirla diventa estremamente complicato, ma si può fare. Occorre per esempio, una grande coerenza e rettitudine da parte dei vertici decisionali, questa viene percepita come un segnale di impegno e genera fiducia tra i dipendenti. La cura dei rapporti e la valorizzazione della dimensione umana è un altro elemento. La scelta di evitare livelli troppo elevati di competizione tra dipendenti ed limitare il ricorso ad incentivi di tipo monetario, anche questi sono elementi che aiutano. Ma il punto vero è che finché non capiremo che la fiducia è (anche) un bene economico, non saremo in grado di pensare politiche di rigenerazione e salvaguardia del capitale fiduciario

Seguici su:

Seguici su:

Chi è online

Abbiamo 457 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.