Edc e Carismi

Oggi le realtà carismatiche, gli ordini e gli istituti religiosi si trovano ad affrontare nuove e importanti sfide per le quali l’EdC, insieme ad altre proposte, può rappresentare una buona risposta. Per questo da qualche anno si è avviato un cammino di conoscenza e di scambio di esperienze fra Economia di Comunione e le realtà carismatiche. Il convegno del 17 e 18 novembre 2009 ha rappresentato una tappa di questo cammino.

Salviamo i rifiuti del mercato

Chiesa ed Economia - Non va lontano un sistema che spreca cibo mentre i bambini muoiono di fame ed esclude i deboli dalla possibilità di lavorare

di Alessandra Smerilli

pubblicato su Avvenire il 28/01/2014

Rifuti mercato ridNegli ambienti accademici (e non solo in quelli economici), quando Papa Francesco parla di economia lo si considera spesso ingenuo, o, nei casi più benevoli, lo si classifica come un sudamericano che parla perlopiù in base alla sua esperienza pastorale. Si sta ripetendo ancora una volta l’esperienza di Paolo all’areopago di Atene: ‘su questo ti ascolteremo un’altra volta’.

In realtà, le considerazioni economiche della Evangelii Gaudium (EG), sebbene vengano prima, o dopo, della scienza economica e le sue tecnicalità, offrono agli economisti teorici molteplici riflessioni, tutte rilevanti, nessuna ingenua, molte scomode perché vanno nella direzione opposta a quella imboccata dalla teoria e cultura economica.

Per iniziare un dialogo serio con la Esortazione, occorre tenere ben presenti due premesse metodologiche del documento. Da una parte Papa Francesco dice esplicitamente (EG n. 51) di inserirsi all’interno della tradizione del magistero sociale dei suoi predecessori (e chiede al lettore di darlo in qualche modo per scontato); dall’altra sostiene che il suo è uno sguardo primariamente pastorale, che nasce dalla sollecitudine e amore per la Chiesa, e quindi dei poveri. Non voleva dunque scrivere un trattato di economia – né c’era da aspettarselo - ma chiede a tutti e a ciascuno di prendersi le proprie responsabilità e di cercare di rispondere agli evidenti paradossi che ci circondano.

Egli pone l’accento su due imperativi estremamente rilevanti: no all’esclusione, no all’inequità. “Non si può più tollerare il fatto che si getti il cibo, quando c’è gente che soffre la fame. Questo è inequità” (EG n. 53). La riflessione sul tema dello spreco alimentare, fenomeno tipico dei paesi occidentali, porta ad evidenziare un primo paradosso: abitiamo un pianeta dove ogni anno muoiono per cause legate alla malnutrizione oltre tre milioni di bambini sotto i cinque anni, e nel contempo si sprecano circa 1,6 miliardi di tonnellate di cibo e la quantità di acqua equivalente a tre volte l’acqua contenuta nel  lago di Ginevra, come ci indica il rapporto della FAO, Global food losses and food waste. E un sistema economico che spreca ingenti quantità di cibo e risorse, ma non sa sfamare chi muore di fame – i bambini soprattutto -, non è un sistema giusto, né un sistema che porta sviluppo, se il vero sviluppo è sviluppo di ogni persona, di tutta la persona. 

Sappiamo tutti, non solo gli economisti, che non è affatto semplice né spesso possibile prendere gli sprechi degli opulenti e trasferirli a chi non ha il necessario, poiché i processi che vanno dalle risorse (umane, tecniche, culturali, sociali) al cibo sono cruciali, e non facilmente trasferibili da un paese ad un altro: i fallimenti sostanziali degli aiuti allo sviluppo di questi 50 anni ci dicono, sostanzialmente, tale difficoltà. Ma il riconoscere queste complessità e questa difficoltà, deve essere il primo passo per immaginare nuove strategie, non il passo finale che chiude ogni discorso (v. Alberto Bisin su noisefromamerika.org).

Chi si occupa di economia, e vuole farlo in un’ottica di servizio al bene comune, deve riflettere seriamente e senza pregiudizi su cosa non funziona nei meccanismi economici e su cosa va cambiato.  A tal proposito un’operazione rivoluzionaria è stata tentata dalla Caritas in Veritate: in essa Benedetto XVI è uscito fuori dallo sterile dibattito sul fatto che sia necessario un mondo con più o con meno mercato, e si è interrogato sulla vocazione più profonda del mercato stesso: esso, “se c'è fiducia reciproca e generalizzata, è l'istituzione economica che permette l'incontro tra le persone”(CV n. 35), ribadendo, più avanti, che la logica mercantile va finalizzata al perseguimento del bene comune, e ponendo la sfida che tutto ciò si  può fare, senza rinunciare a produrre valore economico. Senza relegare, cioè, il perseguimento del bene comune ad un settore (il terzo) o al non-profit.

Un altro paradosso su cui papa Francesco ci vuole far riflettere, è quello dell’esclusione: “Non è possibile che non faccia notizia il fatto che muoia assiderato un anziano ridotto a vivere per strada, mentre lo sia il ribasso di due punti in borsa. Questo è esclusione” (EG n. 53).  E’ vero che dietro al ribasso di due punti in borsa possono esserci vite umane, famiglie e disoccupati, ma è preoccupante che gli ‘esclusi’ non facciano notizia. La storia ci insegna che il mercato ha portato vero sviluppo quando è stato un potente mezzo di  inclusione degli esclusi: pensiamo al microcredito di Yunus, ma ancora prima ai monti di pietà del 400 nati ad opera dei francescani, e poi alle casse rurali, alle casse di risparmio, al credito cooperativo. Esempi, questi, di come il mercato e il denaro possano essere a servizio del bene comune e creare inclusione: i poveri e i non bancabili ricevono ‘credito’ e fiducia e diventano soggetti economici e civili attivi.

I giovani che nell’800 arrivavano a Torino dalle campagne erano gli esclusi del tempo, sfruttati dai padroni e considerati solo un disagio sociale dalle amministrazioni. Grazie ad uno strumento di mercato, il contratto di apprendistato (inventato dal carisma di Don Bosco), è iniziato un processo di inclusione e di tutela dei loro diritti. Il mercato è via di sviluppo, come ci ricordano Antonio Genovesi, il beato Giuseppe Toniolo (e molti altri), quando si fonda sulla fede (fiducia) pubblica e sulle virtù civili.

Ma quali sono oggi gli esclusi?  Tra gli esclusi spiccano giovani e donne: molti, sfiduciati, si ritirano perché si sentono espulsi dal sistema, e sono più di tre milioni di persone. E che futuro ha un sistema economico che esclude le forze giovani e le donne? Non c’è futuro se il tasso di giovani che non lavorano (tra disoccupati e sfiduciati) è molto alto. Lo sappiamo tutti, ci soffriamo in molti. Ma cosa dire sulle donne? Se il talento e la creatività sono il motore principale delle innovazioni e dello sviluppo, è certo che ci stiamo privando di un enorme potenziale che è ancora molto inesplorato. Esperimenti economici e dati empirici dimostrano infatti che esistono differenze significative tra uomini e donne nei comportamenti economici. La propensione al rischio, ad esempio, è in media maggiore negli uomini, mentre la capacità di cooperazione nei gruppi è maggiore nelle donne. Nel rispondere agli incentivi individuali e monetari le donne sono meno reattive perché abituate a fare del proprio meglio con o senza incentivi.

Sono convinta che ci sia uno specifico femminile, legato per esempio alla flessibilità, all’intuizione, alle capacità relazionali, di cui la nostra economia in crisi ha estremamente bisogno. Direi dunque che ci stiamo privando dell’ ‘altra metà’ dell’economia. Sempre più donne stanno rinunciando a entrare nel mondo del lavoro, e anche quando ne sono parte attiva persistono dislivelli (soprattutto salariali) e discriminazioni: nelle circa 40 aziende italiane più grandi e quotate in borsa la percentuale di donne che ricoprono ruoli di presidenti, direttori generali o amministratori delegati è dello 0%, percentuale che sale al 5% per ruoli dirigenziali in generale. E le poche donne che riescono ad avere ruoli di responsabilità lo fanno omologandosi troppo spesso ad un mondo che, per motivi storici e culturali, si è costruito un po’ tutto al maschile.  Oggi abbiamo un bisogno estremo di innovazioni. La donna e il suo ‘genio’ potrebbero aiutare a guardare la realtà con occhi diversi, complementari a quelli maschili. A disegnare istituzioni economiche diverse, a scrivere altri libri di economia, a mitigare la guerra nei mercati e a costruire più pace. Ci sono già alcune buone pratiche che stanno cercando di muoversi in questa direzione. Parliamone di più, premiamole con le nostre scelte, chiediamo alle istituzioni di incoraggiarle.

Così raccogliamo allora l’invito di Papa Francesco, e mentre diciamo no all’economia dell’esclusione, diciamo sì a quelle economie che includono, e includendo fanno migliore l’economia e il mondo.

Seguici su:

Corsi di Economia Biblica 2019

scuola biblica box

24-26 giugno 2019 (Libro di Geremia) 14-15 settembre 2019 (Libro di Qoélet)
vedi volantino - Per maggiori informazioni - iscriviti qui

Prophetic Economy 2.0

Prophetic Economy 2.0

Roma - 9 giugno 2019
Per maggiori informazioni scrivi a: info@propheticeconomy.org

Rapporto Edc 2017

Rapporto Edc 2017

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Seguici su:

Corsi di Economia Biblica 2019

scuola biblica box

24-26 giugno 2019 (Libro di Geremia) 14-15 settembre 2019 (Libro di Qoélet)
vedi volantino - Per maggiori informazioni - iscriviti qui

Rapporto Edc 2017

Rapporto Edc 2017

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Chi è online

Abbiamo 587 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.