I 100 passi di Slotmob

Dalle 600 persone per un aperitivo in un bar a Biella nel settembre di due anni fa, allo Slotmob#100 di sabato prossima a Roma: storia dell'onda Slotmob, propagatasi lentamente da Nord a Sud, col coinvolgimento di centinaia di Associazioni  e migliaia di cittadini.

di Gabriele Mandolesi

pubblicato su comune-info.net il 20/05/2015

Slotmob festa 01 ridÈ cominciato tutto quasi per gioco, come un esperimento, ma i motivi che hanno spinto i pochi promotori erano autentici: mobilitarsi dal basso, con una forma di protesta semplice e divertente, per esprimere il dissenso verso il sistema azzardo che infesta le nostre città partendo da ciò che c’era di positivo, cioè baristi ed esercenti che hanno rinunciato agli invitanti introiti delle slot e delle diverse forme di azzardo “legale” per scelta etica.

È cominciato così, nel settembre di due anni fa, con un aperitivo con seicento persone nel bar della signora Giuliana di Biella, che ha deciso di togliere le slot dal locale dopo che un padre di famiglia si era giocato i soldi per comprare i pannolini al figlio, e lei glieli aveva restituiti toccata dalla disperazione di quell’uomo. Fare profitto a tutti i costi ha un suo prezzo, e una città si è stretta intorno a lei per ringraziarla della scelta fatta. Da quel momento in poi, la campagna Slotmob è stata un’onda che si è propagata lentamente, in silenzio, da Nord a Sud, con centinaia di Associazioni che si sono riunite nelle diverse città e hanno deciso che anche loro volevano riconoscere al barista del quartiere un premio per essersi rifiutati di far parte di questa macchina enorme che vede coinvolta la politica e le multinazionali dell’azzardo.

Sono passati due anni, e gli eventi si sono moltiplicati a grande velocità: i dibattiti, le Slotmob festa 02 ridfeste in piazza, la partecipazione dei Comuni, lasciati soli dallo stato a combattere questa piaga sui territori, un libro per raccontare tutte le sfaccettature dell’azzardo. Poi è arrivata la battaglia politica: questo movimento così capillare ha destato l’attenzione dei politici nazionali, hanno ascoltato quando è iniziata la protesta contro il decreto che rischia di essere approvato dal governo e che porterebbe a un ulteriore incremento dell’offerta di azzardo sui territori.

Questa “rivoluzione” lenta e giocosa merita un momento di festa. Il 23 maggio, a Roma in largo Beltramelli (zona Tiburtina), ci sarà lo Slotmob #100, promosso da Non Azzardiamoci, un gruppo di associazioni che ha deciso di mobilitarsi nel quartiere più infestato dalle Slot di Roma. Si inizierà con una passeggiata nel quartiere per donare ai bar senza azzardo l’adesivo della campagna, e si proseguirà fino a Largo Beltramelli per due ore di colazione nei bar prescelti, giochi (quelli veri, sani) e approfondimenti sul tema.

Non sarà solo una manifestazione in piazza, sarà un momento per ricordarci che c’è una parte dell’Italia ancora in grado di indignarsi, di organizzarsi e mobilitarsi per una causa comune. E questo, a molti di quelli che stanno in “alto”, fa paura.

vedi locandina dello SLOTMOB # 100 Roma

https://www.facebook.com/Slotmob

Per info e donazioni: http://www.nexteconomia.org/slots-mob  

Seguici su:

Rapporto Edc 2017

Rapporto Edc 2017

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Il dado per le aziende!

Il dado per le aziende!

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Scarica la APP per Android!

Chi è online

Abbiamo 474 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.