Malgrado la crisi mondiale, gli utili destinati dalle aziende EdC ai poveri e alla formazione di uomini nuovi sono aumentati del 28%

di Gian Maria Bidone

dal Rapporto EdC 2014-2015, su "Economia di Comunione - una cultura nuova" n.42 Inserto redazionale allegato a Città Nuova n.2 - 2016 - febbraio 2016

N42 Pag 08 Gian Maria Bidone autoreGli utili condivisi dalle aziende nel 2015 ammontano a 1.613.345 Euro, di cui 1.169.640 versati a Economia di Comunione e 443.705 sotto forma di prestazioni in natura o spesi per i poveri o la formazione all’interno dell’azienda o nel territorio ad essa circostante. Gli utili versati ad EdC sono incrementati del 28% rispetto all’anno precedente.

Inoltre gli imprenditori soci della associazione italiana AIPEC hanno già versato ad AMU, per nuovi progetti dell’esercizio 2015-2016, utili per 115.000 Euro, un importo superiore del 25% a quanto gli stessi avevano condiviso nell’esercizio precedente.

Ai poveri viene dedicato il 50% degli utili delle aziende e tutto il contributo di chi partecipa al progetto senza essere imprenditore, pari quest’anno 404.943 Euro; le risorse a disposizione degli aiuti di emergenza e dei progetti per i poveri quindi ammontano in questo esercizio a 989.763 Euro.

Gli aiuti assegnati sono stati indirizzati per il 27% al vitto, per il 21% a spese mediche, N42 Pag 08 Azienda Polo Spartacoper il 13% a spese per l’abitazione, per il 25% alla scuola e per il 14% a creare posti di lavoro. Quest’ultimo ammontare è raddoppiato rispetto a quello dell’anno precedente e le risorse non ancora assegnate andranno ad accrescere quest’ultima voce.

Le cifre della colonna “Utili condivisi in natura o utilizzati per altre destinazioni” per due terzi corrispondono ad oneri sostenuti dalle imprese a scopo solidale (stages per giovani desiderosi di sperimentare il lavoro in queste aziende, sostegno persone di ridotte capacità, ecc.) e per un terzo ad aiuti erogati dall’impresa stessa per azioni di solidarietà nel suo territorio.

Il numero delle famiglie beneficiarie dell’aiuto di emergenza si è ridotto di circa 30 unità, un modesto ma importante segno che parla di famiglie uscite dalla condizione di povertà.
Parte delle risorse dedicate a creare posti di lavoro è stata affidata alle Associazioni locali di imprenditori EdC, i cui esperti si impegnano ad individuare il modo più consono al loro territorio per progettare, valutare, finanziare e seguire progetti imprenditoriali, in particolare di giovani, orientati ai valori di EdC.

Riguardo alle risorse per la formazione, si è confermata l’erogazione del finanziamento all’Istituto Universitario Sophia di Loppiano e si sono triplicate le risorse dedicate alla formazione delle giovani generazioni nelle Summer School, tenute quest’anno a Douala (Cameroon), Nairobi (Kenya), Praga (Repubblica Ceca) e San Paolo (Brasile), con la partecipazione di circa 400 giovani. Da queste scuole è emersa una crescente aspirazione dei giovani a “fare impresa”, aspetto di fondamentale importanza, a cui verrà dedicato un particolare impegno nel futuro, con interventi innovativi.

Tabella utili

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Seguici su:

facebook twitter vimeo icon youtubeicon flickr

Rapporto Edc 2016

Cover Edc44 mod

Scarica il rapporto 
Vai alla versione online

Settimana Economia Biblica rid mod

Dal 5 al 10 giugno 2017 al Polo Lionello Bonfanti -  vedi volantino - Per maggiori informazioni

Aderisci a EdC

EoC Companies crop banner rid modRegistrando la tua azienda sul sito dedicato: edc-info.org/it/

Scopri di più...

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.