"Dell'elemento etico..."

Giuseppe_Toniolo

Giuseppe Toniolo

"Dell'elemento etico quale fattore intrinseco delle leggi economiche”

Prolusione al corso di Economia Politica tenuta il 5 dicembre 1873 all’Università di Padova

...  Chi si faccia ad investigare negli scrittori di economia politica, dagli esordi della scienza fino ad noi, l’argomento dei moventi dell'attività umana … agevolmente rileva, come tutti si accordino a riconoscere quest’ultimo nell'interesse personale. … L’interesse personale esercita una grande funzione [nella] vita individuale e collettiva … … Ma tutto ciò non vuol dire … che l'utilità individuale sia l'unico principio dinamico della vita collettiva: e l'affermarlo e il ricercare in esso solamente la spiegazione di tutti i fenomeni economici, è errore filosofico, errore di fatto, errore di metodo. …
Cosi s'ebbe un sistema compiuto di dottrine economiche … che presupponendo troppo facilmente l'armonia spontanea del privato interesse col pubblico [interesse], mirò soltanto ad esaltare in massimo grado l'attività dell’individuo … ; che prendendo a guida il freddo calcolo illuminato … dall'intelligenza, ma segregato dai più nobili impulsi del cuore, disegnò matematicamente la parte esteriore e meccanica dei  fenomeni trascurando la parte intima e morale …; e che infine fu sospetta (non sempre a torto) di aver favorito certe tendenze … all'egoismo ed al materialismo… e contribuito così ad inasprire… il grave conflitto di interessi che insidia [il] moderno incivilimento.

...
[Nessuno] penserà certamente che il libero commercio tra le nazioni, il quale effettua sotto novella forma il
sentimento della solidarietà universale, sia il trionfo esclusivo di un illuminato interesse economico. No: il libero cambio era di gran lunga preparato da questo sentimento ingenito di fratellanza umana, promosso dalle dottrine filosofiche di certe scuole umanitarie e dalle vicende politiche e sociali del secolo scorso

...
E cosi, continuando questa rassegna di fatti, si potrebbe … dimostrare che non v'ha fenomeno economico il quale non venga in qualche misura affetto dalle opinioni e sentimenti e pregiudizii e passioni che intessono la vita dell’intelletto e del cuore umano. 

Giuseppe Toniolo (1845-1918) fu un insigne studioso, ma anche un infaticabile promotore di iniziative culturali, economiche e politiche nell’Italia della fine del XIX secolo e dell’inizio del XX. Le finalità della sua azione sono state la diffusione dei valori cristiani e il riscatto economico e sociale dei più deboli.  Nell’aprile 2012 è stato proclamato beato.

 

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.