Hanno detto...

Stefano Zamagni

professore di Economia politica all’Università di Bologna

"L’esperienza dell’Economia di Comunione è una sfida sia a livello propriamente intellettuale, sia a livello più propriamente esistenziale. Riguardo alle ragioni specifiche che la caratterizzano riguardo ad altre forme di esperienze..., vedo due differenze:

  • la prima è che in Economia di Comunione chi liberamente accetta questa formula, non accetta di separare il momento della produzione della ricchezza dal momento della distribuzione.
  • Il secondo elemento qualificante è quello di contrastare l'opinione in base alla quale l'etica può essere asservita alle esigenze dell’economia. (...)
    L’esperienza di Economia di Comunione è quella di dimostrare che o si crede a certi valori come ad esempio la dignità delle persone, il rispetto dell’autonomia, la giustizia, - ma ci si crede indipendentemente dai risultati cui questi valori conducono - o altrimenti il rischio è la produzione di effetti perversi.

Per entrambe queste ragioni, ritengo che il modello dell’Economia di Comunione abbia tutte le premesse per svilupparsi e arricchirsi".

Convegno sull’Economia di Comunione, Università di Bologna, 29.04.1998

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.