• Economia di Comunione
    Persone e imprese che attivano processi di comunione.
    Idee e pratiche per un agire economico improntato alla reciprocità e all’accoglienza.
    Un ambito di dialogo e di azione per chiunque voglia impegnarsi per una civiltà più fraterna guardando il mondo a partire dagli esclusi e dalle vittime
    scopri di più...
  • Corsi di Economia Biblica
    14-15 settembre 2019 (Libro di Qoèlet) Polo Lionello Bonfanti - 50063 Figline e Incisa Valdarno (FI)scopri di più...
  • Prophetic Economy
    Castelgandolfo (Roma): 2 - 4 Nov 2018scopri di più...
  • The Economy of Francesco
    Sono aperte le candidature per partecipare all’evento di Assisi 2020!scopri di più...

Economia di Comunione

Persone e imprese che attivano processi di comunione.

Idee e pratiche per un agire economico improntato alla reciprocità e all’accoglienza.

Un ambito di dialogo e di azione per chiunque voglia impegnarsi per una civiltà più fraterna guardando il mondo a partire dagli esclusi e dalle vittime.

Giovani imprenditori che sfidano la crisi

Sono lavoratori attenti alla persona, alle relazioni, all'ambiente, all'inclusione, e sanno che un momento di crisi può tramutarsi in una opportunità per migliorare sé stessi e la società

di Chiara Andreola

pubblicato su: Città Nuova il 01/10/2016

160930 1002 Convention Edc 2016 16 rid“Impegno” come “dare qualcosa in – pegno”, compromettersi: è questo, nelle parole di Alberto Frassineti – uno dei fondatori del Polo Lionello – lo spirito che anima i “giovani che contano” che hanno portato le loro esperienze nel corso delle iniziative in programma per Loppianolab 2016; e che, nel loro incontro con l’Economia di Comunione, hanno concretizzato questo loro impegno non solo nell’ambito dell’impresa.

Una delle condizioni affinché le imprese possano svilupparsi al meglio è avere una relazione costruttiva con la politica: ed è appunto questo il campo di impegno di Marco Titli e Cristina Guarda – rispettivamente consigliere di circoscrizione a Torino e consigliere regionale del Veneto, nonché imprenditrice –, conosciutisi proprio a Loppiano per la “workshop school”.

Insieme alla siciliana Noemi, hanno portato avanti uno stile di vivere la politica che “valorizzi la collaborazione invece della competizione” – come affermato da Marco –, 160930 1002 Convention Edc 2016 17 rid“aiutandoci a curare le reciproche campagne elettorali, per dare un’immagine autentica di noi stessi e del nostro impegno”.

 La workshop school di Loppiano si è rivelata generatrice di impegno giovanile anche in molti altri casi: come quello di Gregorio Pellegrino che, dopo aver inizialmente deciso di non entrare nella piccola casa editrice di famiglia per darsi all’informatica, si è sentito spinto ad applicare queste sue conoscenze al campo dell’editoria non solo migliorando i risultati dell’azienda di famiglia, ma anche rivolgendosi ai concorrenti per sensibilizzarli in merito ai cambiamenti da apportare nel settore. Oggi fa il consulente tra Torino, Firenze e Roma, convinto che “l’impresa non è un’isola da sola, è parte di un arcipelago”.

L’EdC è poi stimolo e motivazione anche in tutti quei contesti in cui l’occupazione giovanile versa in gravi difficoltà: senza lavoro erano infatti due dei quattro soci iniziali della siciliana Management Technologies, azienda di consulenza informatica, partita “dalle nostre povertà come non avere il lavoro – hanno raccontato David Cutietti, Marco Pintus e Fabio Bruno –, ma anche dalle nostre ricchezze come il tempo, le competenze o uno scantinato dove lavorare”. Oggi i soci sono otto, il capitale sociale è più che raddoppiato, e “viviamo il nostro lavoro non sentendosi semplici fornitori di un servizio a un cliente, ma partner in un progetto comune”.

160930 1002 Convention Edc 2016 18 ridE se l’impresa non la si crea materialmente, si può aiutare altri a farlo: è il caso dell’umbra Silvia Antonelli, costretta dalle circostanze economiche a non proseguire sulla via tracciata dagli studi in giurisprudenza, e ora animatrice di comunità del Progetto Policoro della Cei – mirato appunto a favorire le opportunità di lavoro per i giovani – sentendosi chiamata “proprio io, che ero in difficoltà, a farmi carico della difficoltà di altri”. Difficoltà di cui si fa carico anche Federica Imbriani, infermiera presso la Casa Famiglia Chiara Luce in Puglia, che definisce “un dono e un privilegio” lavorare per giovani madri e bambini in situazione di disagio, vivendo con loro “come se fossero la mia famiglia”.

Ma l’EdC non deve nemmeno essere pensata come un “salvagente”: Chiara Pancino un lavoro ce l’aveva, e pure in una delle più importanti aziende del sistema moda italiano; ma ha scelto di aprire la sua azienda di abbigliamento per bambini, la Pilvi, a cui una rivista prestigiosa come Vogue Italia ha dato lo slogan di “mindful style” – traducibile come “stile attento, pensato”. Una definizione che Chiara ha apprezzato perché descrive quell’attenzione a tutta la filiera – dalla scelta di materie prime sostenibili, fino alle condizioni contrattuali dignitose per i dipendenti – che l’azienda pone, nella convinzione che “non basta solo fare bene il nostro pezzettino, bisogna anche capire cosa c’è prima e cosa c’è dopo”.

 L’EdC funziona da principio ispiratore anche per la campagna Slot Mob, nel “dire no ad 160930 1002 Convention Edc 2016 19 ridun’economia che, per gli interessi di pochi, sacrifica il bene comune” –, ha affermato la coordinatrice, Maria Chiara Cefaloni; e anche per le esperienze di alternanza scuola–lavoro, come quella che ha coinvolto il Polo Lionello ed un istituto tecnico di Torino, presentata dalla prof. Beatrice Cerrino e da Andrea, uno dei ragazzi che vi hanno preso parte.

 In tutto questo suo influenzare in maniera trasversale diversi ambiti della vita sociale, l’EdC, ha osservato l’economista Luigino Bruni, “ha una responsabilità particolare nei confronti dei giovani. Perché i giovani sono come le trote, nuotano dove c’è l’acqua pulita: è l’EdC deve mantenere l’acqua pulita”.

Marzo 2020, Assisi
"The Economy of Francesco"

 i giovani, un patto, il futuro

i giovani,un patto,il futuro

Seguici su:

Corsi di Economia Biblica 2019

scuola biblica box

24-26 giugno 2019 (Libro di Geremia) 14-15 settembre 2019 (Libro di Qoélet)
vedi volantino - Per maggiori informazioni - iscriviti qui

Prophetic Economy 2.0

Prophetic Economy 2.0

Roma - 9 giugno 2019
Per maggiori informazioni scrivi a: info@propheticeconomy.org

Rapporto Edc 2017

Rapporto Edc 2017

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

10-07-2019

C'è bisogno di tagli che, su ispirazione dei quadri di Fontana, colleghino la nostra politica e la...

19-07-2019

La gestione Ferrovie e Atlantia può essere una buona occasione di rilancio dopo tanti errori del...

18-06-2019

Dietro la disputa sui conti pubblici c’è un malinteso della propaganda sovranista che rischia di...

15-07-2019

I Commenti de "Il Sole 24 Ore" - Mind the Economy, la serie di articoli di Vittorio Pelligra sul...

29-05-2019

Dibattito/4 - La teoria monetaria moderna non è la soluzione a tutti i problemi attuali, ha però...

COME FARE PARTE

Image
Opla
AMU
Eoc
aipec

Seguici su:

Chi è online

Abbiamo 521 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.