Bratislava: nasce la rete EdC dell'Est Europeo

 Si sono ritrovati da 14 paesi dell'Est-Europa per conoscersi, confrontarsi e mettersi in rete

di Tanino Minuta

171208 10 Bratislava 02 ridPapa Francesco, incontrando nell’Aula Paolo VI in Vaticano, il 4 febbraio 2017, un folto gruppo internazionale riunitosi per ricordare gli inizi e gli sviluppi dell’Economia di comunione, ne aveva evidenziato storia e scopi precisando come Economia e Comunione siano due parole che, anche se il pensare comune le separa, nella intuizione di Chiara Lubich sono unite per uno scopo preciso: annullare il divarico esistente tra ricchi e poveri educando le aziende a tenere presenti i poveri nella destinazione degli utili. In tal modo l’imprenditore ha la possibilità di diventare un agente di comunione.

«Nell’immettere dentro l’economia il germe buono della comunione, avete iniziato un profondo cambiamento nel modo di vedere e vivere l’impresa. L’impresa non solo può non distruggere la comunione tra le persone, ma può edificarla, può promuoverla. Con la vostra vita mostrate che economia e comunione diventano più belle quando sono una accanto all’altra. Più bella l’economia, certamente, ma più bella anche la comunione, perché la comunione spirituale dei cuori è ancora più piena quando diventa 171208 10 Bratislava 04 ridcomunione di beni, di talenti, di profitti».

Imprenditori ed economisti EdC da Russia, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca, Slovenia, Ungheria, Romania, Macedonia, Ucraina, Bosnia Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Slovacchia e Serbia si sono riuniti a Bratislava il 9-10 dicembre ’17 per un confronto e una verifica.

I partecipanti si sono distinti in tre ambiti di approfondimento: povertà, impresa e cultura e poi con i loro contributi comunicati a tutta l’assemblea, hanno designato nuove linee di collaborazione tra i paesi rappresentati. Una nota comune è stato il riconoscimento della significativa esperienza storica del comunismo che proprio dall’economia aveva tratto le sue strategie di sviluppo e di rinnovamento culturale che costituisce, nella formulazione di una nuova teoria economica, un ostacolo o un freno.  

171208 10 Bratislava 06 ridDai gruppi è stata rimessa a fuoco la ricerca su quale economia possa essere in grado di annullare la povertà e la solidarietà necessaria per realizzare la profezia di Chiara Lubich, come papa Francesco aveva ribadito: «Finché l’economia produrrà ancora una vittima e ci sarà una sola persona scartata, la comunione non è ancora realizzata, la festa della fraternità universale non è piena

Per raggiungere tali scopi scopi, proprio nell’area ex-comunista dell’est Europa, è emersa la necessità di creare delle reti di comunione, una piattaforma di confronto continuo e di consulenza specializzata, sfruttando i canali virtuali che favoriscano non solo la collaborazione tra i paesi presenti ma sappiano annodarli alle realizzazioni internazionali già in atto, che creano comunione di talenti, progetti, come gli HUB EoC-IIN.

Luigino Bruni, che della profezia di Chiara Lubich è competente ed entusiasta promotore, con la sua esperienza 171208 10 Bratislava 03 ridventennale ha potuto testimoniare che, in un mondo globalizzato dove le cose cambiano molto rapidamente, affinché un’idea abbia efficacia è determinante saper stare al ritmo del tempo, affidando ai giovani che rappresentano l’oggi, non il futuro, le redini delle imprese e di ogni iniziativa, sostenendoli e valorizzando i talenti manifesti o ancora nascosti e, attraverso la trasmissione dell’esperienza fatta, aiutarli a leggere la vita “con gli occhi degli ultimi”. Nella sua fede si poteva leggere la gioia di aver visto sbocciare talenti anche dove non sembravano esistere e, nei suoi collaboratori in vari continenti, con qualcuno dei quali c’è stato un collegamento diretto, si potevano vedere anticipate e realizzate le speranze di una economia a servizio dell’uomo.

Una eco fra tutte da Antun Matošević, Macedonia: "Provo una grande gratitudine per la possibilità di partecipare a questo incontro. Avendo studiato all’Università Sophia specializzandomi in economia, mi sento motivato e spinto a donarmi concretamente nella mia zona."

171209 10 Bratislava Luigino 01 ridIntenso e partecipato il dialogo serale aperto alla cittadinanza nel quale il professor Bruni ha saputo spiegare come le radici per comprendere una nuova economia vadano cercate nella Bibbia perché solo attraverso la Scrittura si può smascherare l’idolatria che è diventato oggi il consumismo. In questo processo di smascheramento di questa “nuova religione” hanno valore, oggi come sempre, i profeti che prestano a Dio la loro voce per parlare e impediscono che la religione diventi un mercato. Un segno che attesta la veridicità di una profezia è l’attenzione ai poveri. Non era difficile legare quanto il professore diceva, con l’azione di papa Francesco.

Una delle reazioni a questo evento centrato sull’economia: “Non avevo mai pensato che ci fosse un legame tra economia e Sacra Scrittura. Eppure ora vedo chiaro che l’agire umano, essendo sempre un’azione che tocca l’economia, può diventare agire religioso”.

Vedi photogallery di Dominik Sepp - Vedi photogallery di Janez SnojJanez Snoj

Vedi il video della serata con Luigino Bruni dal titolo: "I leader di oggi dalla prospettiva dei profeti antichi" - (Bratislava, 9 dicembre 2017)

Vedi il video della conferenza di Luigino Bruni su Economia di Comunione per HANUS Fest -  (Bratislava, 9 dicembre 2017)

Seguici su:

Seguici su:

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.