L’economia di comunione nella libertà e la società del gratuito: dai carismi una proposta per il bene comune

Conferenza dal titolo: "La Società del gratuito e i mondi vitali nuovi" svoltasi nell'ambito del Convegno internazionale: "Don Oreste Benzi: testimone e profeta per le sfide del nostro tempo"

Intervento di Alberto Frassineti

Rimini, 27 ottobre 2012

Oreste_BenziIntroduzione

Il  progetto  “Economia  di  Comunione  nella  libertà”  (EdC)  si  inserisce  in  quel  filone  di esperienze  che  ricercano  soluzioni  capaci  di  coniugare  le  esigenze  di  mercato  con  quelle solidaristiche, superando così quella concezione tradizionale di economia, che ha come primo e  solo  obbiettivo  il  profitto  e  proponendo  un  modello  economico  basato  sulla  persona  in rapporto di reciprocità con gli altri ed un modello di impresa che, come scrive Benedetto XVI al  n.  46  della  Caritas  in  Veritate  “non  esclude  il  profitto,  ma  lo  considera  strumento  per realizzare finalità umane e sociali”.

Per prima cosa possiamo affermare che ogni concezione dell'agire economico è certamente il frutto di una cultura specifica e di una precisa visione del mondo. Quindi  per  comprendere  l’economia  di  comunione  occorre  innanzitutto  tenere  presente l'humus  spirituale  da  cui  è  nato  questo  agire  economico,  cioè  la  spiritualità  dell’unità emersa dal carisma di Chiara Lubich e vissuta all’interno del Movimento dei Focolari: una visione del mondo incentrata sulla realtà di Dio Padre di tutti da cui deriva la conseguenza di una fraternità universale che prelude ad un mondo più unito.

Affinché ciò sia possibile è richiesto a tutti di vivere quell’esperienza umana che si chiama amore: l’amore cristiano, o per chi fosse di altre fedi e convinzioni diverse, la benevolenza, che significa voler il bene degli altri, atteggiamento presente in tutti i libri sacri e non estraneo agli uomini cosiddetti laici.

È infatti comune a tutte le religioni ma anche a tutte le culture laiche la cosiddetta “regola d’oro”: “Fai agli altri ciò che vuoi sia fatto a te, non fare agli altri ciò che non vuoi sia fatto a te”, che è la base di un rapporto interpersonale e sociale che ci sprona e indirizza verso una fraternità universale.

Tipico poi  dell’esperienza cristiana e della pratica di  vita del  Movimento dei  Focolari è la cosiddetta «cultura del dare», che sin dall'inizio si è concretizzata in una comunione dei beni fra tutti i membri ed in opere sociali anche consistenti. Essa si fonda sulla concezione che l'uomo trova la sua realizzazione soprattutto nel rapporto
con gli altri, rapporto che ha il suo momento più significativo nell'atto di donare. Punta alla solidarietà ed alla condivisione, accantona la logica dello spreco e dell'accumulo, promuovendo non la lotta per prevalere, ma l'impegno per crescere insieme, per attuare un uso sobrio e responsabile dei beni.

Il dare di  cui parliamo  parte dalla convinzione che tutto ciò  che utilizziamo lo abbiamo in gestione, perché ogni cosa ci è stata donata. Per questo ha come caratteristiche la gratuità e il rispetto della dignità dell'altro.

Leggi intervento completo

 

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.