Ciao Carmen!

Ieri mattina all'alba ci ha lasciato Carmen Bollea De Santos, imprenditrice argentina di Tucuman.

di Carmen de Amarillo

Carmen Bollea 01 ridNon è facile descrivere Carmen. Se dovessi scegliere una sola parola, questa sarebbe “ciclone”. Lì dov’era rivoluzionava tutto ...E si arrangiava per essere dappertutto: al compleanno della mamma del vescovo, nel campo, nella Federazione degli Imprenditori Argentini, negli incontri EdC... Si interessava di tutto e su tutto voleva incidere. E non mollava finché ci riusciva.

Quando si presentava nei nostri gruppi diceva: “Sono insegnante di inglese, ma mi occupo di produzione ed esportazione di limoni”. Alla sua proprietà in campagna diede il nome che Chiara Lubich le aveva consegnato: Terri Citrus (terra fertile). Ma sopratutto Carmen era dedicata con passione ai suoi dipendenti (40) e alle loro famiglie. Certamente non dimenticava la sua famiglia: era una moglie ed una mamma affettuosa e molto presente.

Lavorò instancabilmente per proteggere ed elevare lo standard qualitativo e sanitario Carmen Bollea 03 riddel limone. Quando passavamo in macchina da una provincia all’altra per andare agli incontri EdC, si arrabbiava se pensava che i controlli sanitari che vedeva non erano sufficienti. Quando era già in ospedale a Buenos Aires per un lungo trattamento, scrisse una lettera di ringraziamento al Presidente argentino Mauricio Macri (pubblicata dal giornale La Nación) perché aveva fatto diventare obbligatori questi controlli. Poi, quando gli Stati Uniti approvarono l’importazione dei nostri limoni (infatti l'Argentina, e più precisamente Tucumán, ne è il primo esportatore a livello mondiale) regaló al presidente uno scatolone di limoni, tanto era contenta del risultato del suo impegno. Chissà quali ripercusioni potrà avere ancora questo fatto.

All’EdC aderì subito. Partecipava a tutti gli incontri locali e nazionali. Tante volte invitava anche i suoi dipendenti per far loro conoscere l’EdC e così poter vivere insieme questo stile di vita in azienda. Iniziava ogni nuova stagione con una messa in campagna con tutto il personale. Con gli altri imprenditori e con i clienti era molto originale: ci faceva sorridere quando ci raccontava che li invitava a lanciare il Dado Aziendale dell’EdC e a vivere quello che era scritto sul lato superiore. Il rispetto umano e le inibizioni non erano fatte per lei. Con i dipendenti era anche molto Carmen Bollea 04 ridgenerosa, creativa e concreta. Ad esempio creò fondi di risparmio perché potessero accedere a prestiti generati da loro stessi. Regalava cose utili, come materassi ad esempio, in occasione delle Festività.

Carmencita, hai lasciato una impronta molto profonda in tutti noi. Siamo tristi per la tua mancanza física, perché non possiamo sentire più la tua gioia e la tua energia, ma sappiamo che in Paradiso continuerai a lavorare con noi e a intercedere per la tua “amata EdC” come tu stessa la definivi.


Riportiamo due messaggi scritti da Carmen Bollea ad Aldo Calliera, presidente dell'Associazione Edc Argentina

Dopo 8 mesi di trattamento a Buenos Aires Carmen scrive:

"Grazie, fratelli dell'anima! Ho avuto talmente tante emozioni da quando sono arrivata Carmen Bollea Lettera Macri rid...che sono rimasta disfonica! Ho pianto tutto ma con tanta gioia!  Ieri notte un'altra grande emozione, la cena di fine anno con l'altra mia famiglia, quella dell'EdC... la benedizione del padre Francisco Urbanch, il benvenuto alla Madonna della Valle nella hall principale, migliaia di abbracci luuuunghi, lacrime, parole, volti felici e grati a Dio per il fatto di rivedermi, canti, disegni dei bambini, regali... non è mancato nessuno. I miei figli, divini, per otto mesi si sono occupati di tutto ed è stato l'anno migliore per l'azienda. Ieri notte li ho visti, tutti e 5, esprimere il loro grazie a Dio, ai genitori, ai collaboratori, unitissimi, con tanta fede, speranza, affetto, con nuovi progetti e sogni da compiere!
Si sentiva la presenza di Gesù fra noi. Ho visto lo spirito dell'EdC incarnato in TerriCitrus, il nome nuovo che Chiara mi ha dato: Tierra Fértil srl con 40 dipendenti... Quando ho cominciato eravamo appena 5, una grande evoluzione e tutto grazie al mio "socio nascosto" che mi ha sempre accompagnato.
Grazie. Sono mooolto felice di trovarmi nella mia terra Fertile".

Carmen Bollea Limoni ridQuando viee a sapere dell'incontro con Papa Francesco del 4 febbraio scorso, Carmen scrive ad Aldo:

"Mi costa molto non poter venire ad incontrare il Papa. Te lo dico con lacrime ma anche con quella Pace che solo la voce di Dio ti da, in armonia con la mia famiglia, sento quella Alchimia che trasforma il dolore in amore nel fare la sua Volontà!
E lascio spazio ad altri, offro tutto, proprio all'inizio dell'anno giubilare della Madonna di Fatima, per i malati, per questo storico incontro dell'EdC col Papa... che sia meraviglioso e pieno di grazie per ogni azienda. Famiglia, un bacio grande, scriverò una letterina a Papa Francesco raccontandogli quello che sente il mio cuore... ma con gioia di essere con voi con la mia immaginazione il 4 febbraio.
Un grande abbraccio, ti voglio tanto bene!"

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.