Asia 2016

EVENTI INTERNAZIONALI

In Croazia e Serbia cresce la vita Edc

News dalla Cittadella Faro: continuano gli incontri periodici di approfondimento Edc in Croazia, mentre Edc viene presentata a Novi Sad ed a Ruski Krstur, Serbia

di Minka Fabjan e Marija Majher

131207 Croazia Edc ridCroazia - Continuano in Croazia gli incontri mensili di approfondimento Edc, cominciati dopo l'incontro di Luigino Bruni con i giovani durante la Winter School dello scorso  febbraio presso la Mariapoli Faro a  Križevci.

Nell'ultimo incontro abbiamo avuto l'opportunità di avere con noi Koen Vanreusel e Kris Vanlathem della ditta di Selfmatic del Belgio. Koen, imprenditore Edc della prima ora, ci ha aggiornato dell'incontro per gli imprenditori dell'Europa Nord e Ovest - presenti molti imprenditori della Serbia e Croazia-  svoltosi a Ottmaring a fine ottobre.

Descrivendoci i tre punti cardini di EdC: l'imprenditore, il povero e la cultura del dare, ha fatto riferimento alla propria esperienza personale, sottolineando l'importanza del costruire i rapporti veri e di agire sempre in comunione, anche di fronte a decisioni che come imprenditore potrebbe prendere da solo.  

I venticinque  presenti (imprenditori, docenti, persone interessate a EdC...) hanno 131202 Novi-Sad Edc ridaccolto con profondo ascolto la testimonianza di Koen rimanendo particolarmente colpiti dalla sua freschezza e dalla creatività che dimostra nel fare di tutto affinchè la cultura del dare si diffonda e diventi vita in ognuno di noi.

Nel vivo e lungo dialogo che è seguito, Koen e Kris hanno risposto alle tante domande sempre con esperienze concrete. L'incontro si e' concluso con l'impegno a 'creare tra di noi una rete per poter vivere e lavorare di più in comunione.
Koen e Kris hanno incontrato anche alcuni imprenditori della cittadella Faro per condividere le sfide che vivono nella difficile situazione economica attuale e per scoprire insieme nuove possibilita di imprenditorialita'.

Serbia, Novi Sad - Lo scorso 2 dicembre Edc è stata presentata nell'ambito della Tavola rotonda promossa da “La Terra dei vivi ” e Caritas Serbia sul tema “Istituzione e Chiese tradizionali nella lotta contro la povertà”, svoltasi presso il Centro per il lavoro della citta' di Novi Sad. Erano presenti  l'Arcivescovo di Belgrado, mons. Stanislav Hočevar, l' arciprete ortodosso Branko Čurčin, il pastore della Chiesa evangelica e vice sindaco di Novi Sad Vladislav Ivičiak, il direttore del  Centro per lavoro sociale di Novi Sad, Nenad Drašković oltre al rappresentante dell' Economia di comunione, Janko Katona.

131202 Novi Saad ridDal dialogo fra i presenti emergeva la constatazione che la povertà sarà sempre piu' presente nella nostra società e per questo diventa urgente che nella lotta alla poverta si uniscano le forze delle varie Chiese e delle istituzioni statali, sfruttando le esperienze gia' esistenti nelle comunita' ecclesiali.

E' in questo contesto che Janko Katona ha presentato Economia di comunione e la sua ideatrice, Chiara  Lubich, oltre alle esperienze Edc in Serbia. La sua esperienza personale, con tanti esempi, ha arricchito la sua esposizione dando concretezza a quanto stava dicendo.

Nei giorni successivi, il 7 dicembre un'ulteriore presentazione Edc si è realizzata sempre in Serbia, nella città di Ruski Krstur.

Ci sembra di poter dire che Edc pian piano sta entrando nel tessuto sociale, non solo attraverso chi già cerca di viverla ogni giorno, ma anche attraverso le persone che, anche in questa occasione, quest' idea ha entusiasmato.

Seguici su:

Chi è online

Abbiamo 1064 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.