Asia 2016

EVENTI INTERNAZIONALI

1° Congresso EdC per l'Est Europa

Il 28 febbraio e il 1° marzo 2009 si è svolto il primo Convegno Internazionale Edc per l'Europa dell'Est

Qualcosa di "nuovo" alla Cittadella Faro

congresso_faro1.jpg222 i partecipanti al primo convegno internazionale EdC per l’Europa dell’est svoltosi nella cittadella Faro, a Križevci (Croazia) il 28 febbraio e 1° marzo scorsi: provenivano da Slovacchia, Cechia, Romania, Bulgaria, Serbia, Macedonia, Slovenia, Russia, Ungheria e Croazia. Erano imprenditori (71), economisti (17), studenti (14), studiosi (5), oltre ad altre persone interessate all’economia di comunione; tra i partecipanti anche il sindaco della città di Križevci Branko Hrg ed alcuni imprenditori italiani con i quali già da anni esiste una collaborazione.

Nella prima mattinata di sabato dopo una carrellata di presentazioni, e' stato moltocongresso_faro3.jpg apprezzato l’intervento di Benedetto Gui che evidenziava il bisogno di una nuova cultura economica nell’economia moderna e descriveva la figura d'imprenditore EdC, che crea nuove aziende ed e' chiamato a vivere la santità nella sua azienda.

Rivivere attraverso il video il momento in cui nel 1991 Chiara Lubich in Brasile ha lanciato il progetto Edc e' stato affascinante ed emozionante ed è stato la base di tutto ciò che è seguito.

Sono seguite alcune esperienze d'imprenditori. Molto importante è stato ascoltare la relazione finanziaria fatta da Leo Andringa che esprimeva la autenticità e la concretezza del progetto.

congresso_faro2.jpgLa domenica mattina, in un dialogo molto vivo, si è cercato di capire insieme per quello che è (e non per come viene presentata dai media) l’attuale crisi economica. Si parlato di una nuova chance, di un nuovo inizio, della speranza che caratterizza chi segue il Carisma dell’ Unità. In particolare è rimasta impressa la relazione di Luigino Bruni, che ha descritto la grande evoluzione che il progetto di EdC ha avuto, dal suo lancio in Brasile nel ‘91 ad oggi, le sfide e le prospettive attuali dell’EdC.

Nei due giorni del convegno si e' creata fra tutti una “comunione di cuori”, un congresso_faro4.jpgdesiderio forte di vivere la comunione dei beni, per sostenere imprenditori che facciano impresa in questo momento particolarmente difficile per l'economia mondiale. Si sentiva nel cuore un “soffio”, si percepiva nell’aria “qualcosa di nuovo” che sta nascendo nell’ EdC globale, partendo dal capire insieme la missione di EdC nell’Est Europa. In tutti è nato un forte desiderio di riunirsi, forse anche attraverso una associazione nuova che leghi tutti, cominciando a vivere un' etica nuova, dar vita a cooperative... nelle quali ciascuno sia il piccolo tassello di un mosaico da costruire insieme. Nel progetto dell'EdC, dicevano in molti, abbiamo trovato una via nuova, una vera speranza per vivere nel mondo globalizzato d'oggi.

L' evento ha suscitato un notevole interesse su Edc da parte dei media croati: ne hanno parlato per la prima volta TV, giornali, radio. La radio nazionale ZG1 ha realizzato un'intervista di un'ora con la prof.ssa Mirna Valdevit, lo studioso Hrvoje Lovrić e l'imprenditore Stjepan Balen. Era possibile telefonare in diretta per fare domande agli intervistati e molti sono stati gli interventi dei radioascoltatori, alcuni sorpresi, altri commossi. Di seguito riportiamo gli articoli comparsi sulla stampa in seguito al Convegno:

icon Articolo Vecernji list - lingua croata
icon Articolo Glas Koncila - lingua croata

Qualche impressione del convegno:
Dimitar Popovski, studente di economia, Macedonia - Sono molto contento, sento che i miei orizzonti si sono molto allargati. La cosa che mi ha colpito maggiormente sono state le esperienze degli imprenditori. Mi sembra che abbiano un grande coraggio, praticamente costruiscono un nuovo modello di economia in una società che ti dà poco spazio a causa di questa crisi. Sono colpito da come guardano ai loro operai.
Vlatka Železnjak, economista – Čakovec, Croatia - Sono tutt’ora sotto l’imprl’impressione che mi ha lasciato il Congresso dell'EDC; tornando a casa i pensieri sono sempre rivolti da essa, leggo il libretto EDC del 2001 che ho portato con me, confronto tutto con i fondamenti classici dell’economia. Prima avevo solo una pallida idea del progetto e solo ora capisco che è praticamente tanto profondo e universale, che può essere realizzato nella vita privata e nella vita profesionale. Non so cosa mi interessi di più – come funziona il progetto nella pratica o il suo fondamento scientifico. Sono felice di aver avuto l’occasione di conoscere qualcosa che da un lato si fonda su Provvidenza, fede, reciprocità e dall’altro cammina a fianco delle scienze economiche e di altre scienze.

Seguici su:

Chi è online

Abbiamo 1251 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.