Asia 2016

EVENTI INTERNAZIONALI

Colombia, San Gil: Edc presentata ai rappresentanti di 25 diocesi

Grande attenzione da parte della Chiesa Colombiana al progetto Edc

Colombia, San Gil: Edc presentata ai rappresentanti di 25 diocesi

di Silvano Roggero

110824_San_Jill_02_ridSi riunivano per parlare di “economia di comunione” in senso generale. Il discorso fila: se si vuole vivere una spiritualità di comunione, occorre pure vivere una politica di comunione, una economia di comunione… e ci hanno invitati a presentare Edc.

Stiamo parlando di un gruppo di diocesi colombiane, venticinque, giusto un terzo della realtà episcopale colombiana: in comune queste diocesi hanno l’aver adottato un “Piano di Rinnovamento ed Evangelizzazione” (PDRE) che si ispira al “Movimento per un Mondo Migliore”. Dal 22 al 26  agosto erano convocati a San Gil per il loro incontro annuale, Vescovi, Vicari di Pastorale ed Economi delle diverse Diocesi per “riflettere sulla realtà, discernere ed assumere impegni sull’economia di comunione nel presbiterio diocesano, come espressione della Spiritualità di Comunione, alla luce della Parola di Dio ed il Magistero della Chiesa”.

Eravamo partiti il giorno precedente (23/8) da Bogotà impiegando oltre 7 ore e mezza per percorrere i 300 km che ci separavano a San Gil. Sapevamo che sarebbero stati presenti una cinquantina di persone, tra cui 17 vescovi, vicari ed economi diocesani. Per questo abbiamo cercato di prepararci nel migliore dei modi: per i nostri interventi disponevamo di parecchio tempo. Dopo l’introduzione del vescovo locale Mons. Carlos Germàn Ruiz Mesa, siamo partiti col presentare il Movimento dei Focolari, l’humus in cui il progetto EdC ha visto la luce, per poi passare ad EdC, anche attraverso un video e diverse testimonianze. Infine un intervento sulla “cultura del dare” riprendendo i temi di Vera Araujo nel maggio scorso in Brasile.

Il lavoro è continuato per gruppi, 5 in tutto: alle persone sono state consegnate 7 domande sulle quali lavorare dapprima personalmente e poi in 110824_San_Jill_03_ridgruppo. Si diceva nella premessa alle domande: “Non è questione di scrivere un trattato sulla vita delle diocesi e delle parrocchie a partire dall’esperienza EdC. Si tratta piuttosto di approfondire le caratteristiche dell’EdC e poi di comprendere quali siano gli aspetti tipici dell’EdC che possono aiutare o dire qualcosa di nuovo e di utile alla vita delle diocesi e delle parrocchie e concretamente in che modo questo può accadere". Le domande vertevano su: cultura del dare, governance di comunione, povertà, reciprocità, gratuità e puntavano a far riflettere su come incarnare questi valori all’interno della realtà diocesana e parrocchiale.

Il lavoro è stato molto apprezzato: il programma prevedeva di concludere con un momento in plenaria in cui avremmo dovuto ascoltare le sintesi dei lavori di gruppo, ma non è stato così: tutto il tempo restante è stato utilizzato per rispondere alle ulteriori domande che erano scaturite dal lavoro di gruppo.  Interviene l’arcivescovo di Barranquilla, città sulla costa che dà ai Caraibi, Mons. Jairo Jaramillo Monsalve: “Io sono lì da alcuni mesi soltanto, ma se io vi radunassi un gruppo di imprenditori con cui siamo in contatto come Diocesi voi potreste venire a parlare loro?”. Era proprio una delle proposte che avevamo pensato di  fare ai vescovi a conclusione dei lavori, ma questa domanda ci ha preceduto.

Il dialogo quindi continua, vi terremo aggiornati!

Seguici su:

Chi è online

Abbiamo 696 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.