Asia 2016

EVENTI INTERNAZIONALI

Francia, Nantes: imparare insieme la comunione

Dallo scorso settembre, un gruppo di imprenditori, manager, consulenti di impresa e simpatizzanti dell’EdC, ha cominciato a riunirsi mensilmente per approfondire le pratiche manageriali secondo la logica EdC.

di Roberta Sferrazzo

180420 Nantes Edc 01 ridVenerdì 20 aprile a Nantes, i partecipanti sono stati invitati a riflettere, sotto la guida di Anouk Grevin, sulle logiche da adottare per gestire un’impresa nello spirito dell’Economia di Comunione. In particolare, gli imprenditori e i manager presenti sono stati invitati ad indagare se, nelle loro aziende, fossero già state adottate pratiche manageriali di questo tipo, in modo da poter condividere con gli altri partecipanti la propria concreta esperienza.

È stato molto bello ascoltare la lunga condivisione di esperienze aziendali e personali legate allo spirito EdC che è seguita: nell’incontro precedente Anouk Grevin aveva invitato i presenti a riflettere su  “come vivere la dimensione del dono all’interno delle imprese”, chiedendosi  “se un’impresa è davvero disposta a donare” e qualche imprenditore ha preso molto sul serio la consegna.

In particolare nel corso del mese, un imprenditore ha deciso di riflettere assieme alla sua équipe su come ci si possa “sentire in armonia” con ciò che si fa in azienda, e quindi nel proprio lavoro, nello spirito dell’unità che è tipico dell’EdC, basato sulla fiducia reciproca e sul sentirsi al proprio posto in ciò che si fa. Riassumendo le risposte dei membri della sua équipe, la costatazione principale che è emersa è stata quella di concepire le imprese come dei luoghi dove le persone possono crescere insieme e dove può esistere la comunione. Condividendo poi la sua esperienza personale in azienda, egli ha affermato che per un imprenditore, adottare una logica direzionale tipica dell’EdC vuol dire saper delegare, saper creare degli spazi per lo scambio interpersonale ed essere in grado di investire nella cosiddetta “intelligenza del cuore”.

Un altro imprenditore ha condiviso con gli altri partecipanti le parole che gli sono venute in mente pensando alle pratiche manageriali EdC in atto 180420 Nantes Edc 03 ridnella sua impresa, cioè: fiducia e verità. Ha inoltre raccontato che spesso ci si incontra/scontra con i limiti di chi si ha di fronte e che allo stesso tempo, il confronto e l’incontro/scontro con l’altro permette di confrontarsi anche con i propri limiti. In tal modo, i limiti personali paradossalmente diventano un punto d’incontro con chi si ha accanto nel cammino della vita, anche nel proprio lavoro.

Condividendo poi le osservazioni raccolte in aziende EdC di diversi Paesi, Anouk Grevin ha portato i partecipanti a riflettere su alcune tematiche manageriali, dalla struttura organizzativa adatta allo spirito EdC alla concreta applicazione del principio di sussidiarietà a livello aziendale; da forme di management che danno spazio (e “libertà di parola” ai dipendenti), al clima di famiglia che è emerso in particolare in alcune aziende.

Nel prossimo incontro, programmato per l’8 giugno 2018, ci si confronterà ancora su questi temi e sarà un’altra grande occasione per ascoltare gli spunti di riflessione che sorgeranno in ognuno e per dar spazio alla condivisione di esperienze, nella logica del dono e della comunione.

Seguici su:

Chi è online

Abbiamo 364 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.