Iniziative Italia

Iniziative, appuntamenti, convegni...

Al "Villaggio per la Terra" è il giorno dell'economia di comunione

Intervista a Stefano Zamagni intervenuto a Roma nell'ambito degli eventi EdC del "Villaggio per la terra"

pubblicato su Radio Vaticana il 24/4/2017

Logo Villaggio per la TerraAl “Villaggio per la Terra”, manifestazione in corso a Roma e dedicata alla tutela della Terra e della biodiversità, si è parlato questa mattina di “economia di comunione”. Nata in Brasile nel 1991 da un’idea di Chiara Lubich, fondatrice del Movimento dei Focolari, l’economia di comunione si basa su un concetto di mercato inclusivo e sociale che supera le logiche del capitalismo selvaggio. Tra i relatori, il prof. Stefano Zamagni, docente di economia all’Università di Bologna.

Ascoltiamolo al microfono di Michele Raviart: Ascolta intervista

R. – Quest’idea fa parte di un paradigma economico ancora più ampio, che è quello dell’economia civile. L’idea di base è quella di rendere l’economia uno strumento di umanizzazione dei rapporti tra le persone e cioè di vedere il mercato come un luogo di mutuo aiuto, in applicazione del principio di reciprocità. L’altro paradigma, che è quello poi dominante e che ha la sua radice in ambiente anglosassone parte da altri presupposti, cioè che il mercato è il luogo dove il più forte mangia il più piccolo: cioè a dire “mors tua vita mea”.

D. – Come si applicano concretamente i principi dell’economia di comunione?

R. – L’economia di comunione è una traduzione pratica, efficacemente realizzata in questi ultimi 25 anni, dell’idea di base dell’economia civile. Ed è un’applicazione che ha dato frutti non soltanto in Brasile, dove storicamente è nata, ma virtualmente in diverse parti del mondo compresi gli Stati Uniti d’America. Sono stato recentemente – il mese scorso – in America, e mi sono meravigliato nel vedere che lì ci sono imprenditori che hanno aderito al progetto dell’economia di comunione. In sostanza, si tratta di applicare l’idea del mutuo aiuto, e cioè del principio di reciprocità, nell’agire economico. Tutti noi sappiamo che si pratica la reciprocità dentro la famiglia, nelle parrocchie, negli ambienti associativi ecc. L’idea di trasferire questo principio all’area propriamente economica, di imprese che operano dentro il mercato, è stata un’idea veramente innovativa.

D. – In che settori economici possiamo trovare l’applicazione dell’economia di comunione?

R. – Le imprese dell’economia di comunione sono le più varie: coprono virtualmente tutti i settori dell’agire economico: non è che l’economia di comunione è presente in agricoltura piuttosto che nella meccanica ecc. Perché ciò che li caratterizza non è l’oggetto di quel che si produce, ma il come lo si produce: ad esempio, non sfruttando i dipendenti; non evadendo le tasse; e soprattutto valorizzando il potenziale umano, cioè realizzando dentro l’impresa un ambiente dove la persona ha la possibilità di sviluppare il proprio talento. Questo è il punto. Non è quindi un settore a sé: conosco una impresa di economia di comunione che opera nel settore dell’energia, ad esempio del petrolio; un’altra che opera in agricoltura; altre che operano nella fornitura di servizi alle persone. È il modo con cui si opera ed ovviamente il fine che viene perseguito, che è il fine del bene comune, piuttosto che l’oggetto specifico dell’attività. Perché le idee dell’economia di comunione sono applicabili ed estensibili ad ogni comparto, compreso quello della finanza. Se oggi si parla di finanza sociale - in Italia si preferisce parlare di finanza etica - è anche merito di quest’intuizione.

D. – L’incontro di oggi al Villaggio per la Terra parlerà anche della città di Roma: quali sono le potenzialità della città e qual è l’esperienza dell’economia di comunione in Italia?

R. – Roma è Roma, e quindi evidentemente merita le attenzioni che tutti le riconoscono; perché percorsi analoghi, mutatis mutandis, stanno avvenendo in altre parti d’Italia, in Piemonte così come in Lombardia. Certo, Roma assume un carattere tutto particolare perché è quel centro dove l’umanesimo ha trovato, già nel 1400, la possibilità di risplendere e di ridiventare modello anche per gli altri Paesi del mondo.

Seguici su:

Corsi di Economia Biblica 2019

scuola biblica box

14-15 settembre 2019
(Libro di Qoélet)
vedi volantino - Per maggiori informazioni - iscriviti qui

Prophetic Economy 2.0

Prophetic Economy 2.0

Roma - 9 giugno 2019
Per maggiori informazioni scrivi a: info@propheticeconomy.org

Rapporto Edc 2017

Rapporto Edc 2017

SCARICA I DOCUMENTI

SCARICA I DOCUMENTI

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Seguici su:

Corsi di Economia Biblica 2019

scuola biblica box

14-15 settembre 2019
(Libro di Qoélet)
vedi volantino - Per maggiori informazioni - iscriviti qui

Rapporto Edc 2017

Rapporto Edc 2017

L’economia del dare

L’economia del dare

Chiara Lubich

"A differenza dell' economia consumista, basata su una cultura dell'avere, l'economia di comunione è l'economia del dare..."

Le strisce di Formy!

Le strisce di Formy!

Conosci la mascotte del sito Edc?

Chi è online

Abbiamo 598 visitatori e nessun utente online

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.