Firework by mrjoroReciprocità

Lettere dal mondo

Riportiamo qualche stralcio delle lettere che ci giungono da varie parti del mondo da alcune delle circa settemila famiglie che sono in contatto con le comunità dei Focolari in molti Paesi in via di sviluppo.

Sono persone che vivono la "cultura del dare" e che si trovano in situazioni di emergenza, alle quali il progetto Economia di Comunione sovviene con un terzo degli utili donati dalle imprese, cui si aggiunge la comunione dei beni che fin dall'inizio caratterizza la prassi del Movimento dei Focolari.

Economia di comunione: dalla parte di chi riceve

Dal Brasile, culla del progetto EdC, la storia di una delle tante famiglie entrate nel programma di riscatto da una povertà che sembrava senza sbocchi.

pubblicato su focolare.org il  14/12/2015

151228 taguatingaFa impressione scoprire che nel mondo non esistono solo sfruttamento, concorrenza sleale, giochi di interessi. Ci sono imprenditori, come ad esempio quelli che aderiscono al progetto per un’Economia di Comunione (EdC) – un migliaio nel mondo – che nel perseguire l’obiettivo di un profitto che assicuri vitalità e continuità alla loro azienda, vogliono vivere la ‘cultura del dare’ secondo le finalità del progetto stesso: l’aiuto ai poveri e la formazione a tale cultura delle nuove generazioni. E perché ciò si attui, mettono a disposizione del progetto, liberamente, una parte dei loro utili.

Leggi tutto...

Una profonda esperienza

tratto dal Rapporto Edc 2010-2011

Terezinha_Gonalves_ridCarissimi collaboratori ed imprenditori EdC, vi scrivo una mia profonda esperienza, vissuta in famiglia. Ho 4 figli meravigliosi, doni di Dio. Tre anni fa mio marito si é separato da noi, e subito dopo sono emerse varie necessità, problemi di salute, il matrimonio di mio figlio più grande, la laurea di mia figlia, e gli altri due che dovevano continuare gli studi all’università. Questo significava anche spese per trasporto, cibo, affitto e tasse universitarie. Quello che mi ha sostenuta e mi sostiene fino ad oggi, non lasciandomi abbattere, è la provvidenza che mai è mancata.

Un giorno abbiamo ricevuto dei solleciti di pagamento delle tasse universitarie arretrate, che mio marito non aveva potuto pagare perché anche lui aveva problemi economici. Mi sono spaventata, ma ho creduto nell’amore di Dio, chiedendo con i miei figli la provvidenza. Mi sono fatta coraggio e ho condiviso la mia situazione con un’amica che vive con me l’economia di comunione. Tornata a casa, con i miei figli abbiamo preso l’impegno di ridurre le spese, economizzando il più possibile.

Esattamente la mattina in cui dovevo fare il pagamento delle tasse arretrate è arrivato l’aiuto dell’EdC. Da quel momento la Provvidenza è arrivata regolarmente attraverso l’EdC e, nel 2010, i miei due figli hanno concluso l’università, grazie all’amore di Dio per noi e alle persone generose che vivono e lavorano per aiutare coloro che sono nel bisogno. Che Dio vi ricompensi a nome nostro.

Terezinha Gonçalves -  Caucaia (Cotia) - Stato San Paolo

Da Recife, la testimonianza di Simone

Da Recife, la testimonianza di Simone

Ho 24 anni e frequento l´Università per diventare Assistente Sociale. Frequento gli incontri promossi dal Movimento dei Focolari da quando avevo nove anni, e questo è stato fondamentale per la mia formazione umana.

Siamo otto figli e la mia famiglia è molto semplice, i nostri genitori ci hanno fatto studiare con grandi sacrifici. Ho sempre studiato in scuole pubbliche, con livelli di insegnamento discutibili e questo ha reso molto difficile il mio ingresso all´università. Ma studiare mi è sempre piaciuto e tre anni fa sono riuscita a realizzare questo sogno.

L’ingresso all’Università per me è stato un regalo di Dio ma ciò ha significato cambiare città. Con l´appoggio della famiglia del Movimento dei Focolari ho potuto fare questo salto. Il problema erano le mie spese in questa nuova situazione. Le risorse della mia famiglia naturale sono limitate e questo mi preoccupava molto. E’ stato allora che mi è stata offerta la possibilità d´essere aiutata tramite l´Economia di Comunione.

Leggi tutto...

Non pensavo che avrei dovuto chiedere

"Da quando è iniziato l'aiuto straordinario per gli indigenti ho sempre contribuito con grande gioia e mai avrei pensato che un giorno mi sarei trovata anch'io tra quelli che hanno bisogno di ricevere l'aiuto. Quest'anno non posso dare il mio contributo, ma soltanto comunicare la mia necessità, con la certezza però che davanti a Dio tutte due le cose hanno lo stesso valore: 'dare'. Ho sperimentato che faccio parte di una grande famiglia nella quale ora diamo e ora riceviamo." (Brasile)

La scuola, e la macchina da cucire

"Ringrazio Dio che col Suo amore si occupa di me e dei miei tre figli, perchè grazie all'aiuto che arriva regolarmente ho potuto fare studiare i bambini e comperare una macchina da cucire per me per poter lavorare e sostenere così la fmiglia dopo la morte di mio marito." (Colombia)

Non odio più i ricchi

"Sono anch'io una dei 12000 indigenti ai quali arriva l'aiuto finanziario straordinario. Così ho potuto finire gli studi e conoscere anche la vita di un'impresa dell'EdC. Da allora tante cose in me sono cambiate: prima avevo un odio profondo per le persone ricche, perchè pensavo che non si curassero dei poveri, e pensassero soltanto al loro benessere. Ma ora ho capito che l'amore vissuto anche in un'azienda cambia tutto." (Filippine)

Seguici su:

facebook twitter vimeo icon youtubeicon flickr

Rapporto Edc 2016

Cover Edc44 mod

Scarica il rapporto 
Vai alla versione online

Edc aderisce a Slotmob!

Logo Slotmob rid mod

Tutte le info alla pagina dedicata

facebook nslSlotmob a Lamezia Terme 13/07/2017

Aderisci a EdC

EoC Companies crop banner rid modRegistrando la tua azienda sul sito dedicato: edc-info.org/it/

Scopri di più...

Il dado per le aziende!

Logo cube IT 150

La nuova rivoluzione per la piccola azienda.
Costruiscilo! Leggilo! Vivilo! Condividilo! Fanne esperienza!

Il dado per le aziende oggi anche in italiano! Scarica la APP per Android!

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.