italiano

1

Il mercato e il dono

Gli spiriti del capitalismo

Il mercato e il donoLuigino Bruni

Università Bocconi Editore,
Milano, ottobre 2015
Collana: FRONTIERE
Acquista su Egeaonline
vedi Introduzione

Il tema cruciale del libro è l’invenzione del capitalismo e dei suoi diversi «spiriti»: quello protestante e quello cattolico. In particolare l’autore ricostruisce le ragioni storiche e filosofiche, di matrici nordiche, che hanno portato al capitalismo attuale. Perché il modello latino dell’economia sociale o civile ha avuto diversa sorte? L’idea smithiana di scambio economico come reciproca indifferenza e quella di mercato come luogo delle relazioni anonime e impersonali reggono ancora l’intero impianto dell’economia contemporanea.

Si è passati dalla condanna dello «sterco del demonio o mammona» al culto del denaro, trasformato in una vera e propria religione. I capitalismi, però, non sono tutti uguali – o almeno non lo erano fino a un’epoca recente. L’Europa, in particolare, aveva generato una sua propria via al capitalismo. Un capitalismo sociale, un’economia di mercato civile che dobbiamo riscoprire di fronte ai fallimenti del capitalismo finanziario.

vedi Indice

LUIGINO BRUNI è professore ordinario alla LUMSA, dove insegna Microeconomia e Storia del pensiero economico.  È direttore scientifico della Scuola di Economia civile. 

RECENSIONI:

05/09/2016 - Tempofertile.blogspot.it: "

20/12/2015 - L'Unità: "Alla prova del mercato" di Enrico Fontana

07/12/2015 - Il Sussidiario.net:  "Quella terza via nata 250 anni prima di Blair" di Gianfranco Fabi

Nous suivre:

Qui est en ligne

Nous avons 608 invités et aucun membre en ligne

© 2008 - 2019 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - info@marcoriccardi.it

Please publish modules in offcanvas position.

Ce site utilise des cookies techniques, y compris ceux de parties tierces, pour permettre une exploration sûre et efficace du site. En fermant ce bandeau, ou en continuant la navigation, vous acceptez nos modalités d’utilisation des cookies. La page d’informations complètes indique les modalités permettant de refuser l’installation d’un cookie.